Critiche alla cabina Pnrr, opposizione e FdI senza idee

Scelte osteggiate senza visione alternativa

di Antonio Cembrola

Quello che è avvenuto nella giornata di ieri ha del paradossale. Fratelli d’Italia da un lato e sei consiglieri d’opposizione dall’altro sono intervenuti nello stesso momento sul tema della cabina di regia istituita dalla Giunta De Filippo per cercare di attrarre fondi Pnrr a Maddaloni, la cui presidenza è stata assegnata all’ex candidato a sindaco Bruno Cortese. Fratelli d’Italia accusa la scelta di Bruno Cortese a presidente e critica la decisione di puntare sul comparto della logistica per lo sviluppo del territorio. L’opposizione dall’altro lato si lamenta che la cabina di regia sia unicamente espressione della Giunta e nel suo paranoico complesso d’esclusione accusa di sentirsi tagliata fuori dalle scelte decisive

e per questo fa dimettere il suo rappresentante. La libertà di critica è forse lo strumento più importante del sistema democratico, ma non per questo non deve essere sottoposto alla ‘censura’ del buon senso. In alcuni casi forse è meglio tacere, se non si ha presente un’alternativa. In entrambi i casi ci troviamo di fronte a critiche deboli, non suffragate da alcuna proposta differente. Qual è l’alternativa alla logistica come settore di sviluppo? Non viene detto. Qual è l’alternativa a Cortese? Silenzio anche su questo. La verità è una sola. Non ci sono idee diverse. La critica, l’invettiva è fine solo ad un discorso piazzaiolo, ma è vuota di sostanza. La scelta di Cortese, elemento che forse sfugge ai più, è dettata dalla preparazione professionale e non dall’incarico pubblico che ricopre. Cosa si sarebbe dovuto fare? Un avviso con relativa selezione perdendo poi tempo utile per rispondere ai tempi stretti di programmazione perdendo occasioni uniche per la città? A volte la forma, cari amici, non è sostanza. E voi per un cavillo siete disposti a perdere questo treno importante? Questa città ha più di ogni altra cosa fame di lavoro e pretendere di bloccare un’azione politica senza un’alternativa valida è da folli. Per questo prima di parlare e lanciarsi in operazioni d’alta scuola politica, pensateci due volte, perché a furia di gridare allo scandalo senza una base concreta si finisce per non essere più creduti.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *