Dipartimento Salute Mentale al collasso, Marone scrive al Direttore dell’Asl Russo: “Non può far finta di non vedere”

MADDALONI – (Caserta) Implementare il personale del Dipartimento di Salute Mentale di Maddaloni in modo da rispondere alle esigenze di un’utenza formata da oltre 90.000 cittadini. E’ questo l’oggetto della richiesta di intervento redatta dal capogruppo di Riscossa di Maddaloni al Consiglio Comunale dott. Claudio Marone. Il consigliere comunale infatti nella giornata di ieri ha inoltrato una comunicazione rivolta al Direttore Generale dell’Asl Ferdinando Russo, ai sindaci del territorio, ai consiglieri regionali Vincenzo Santangelo e Gianpiero Zinzi e ai parlamentari maddalonesi Antonio Del Monaco e Marianna Iorio.

Marone ha raccolto le istanze e le proteste del personale del DSM di Maddaloni, ridotto ormai all’osso e oberato di lavoro, che ha trovato nel consigliere un interlocutore valido e soprattutto vicino da sempre a queste tematiche. Infatti nella struttura al momento, a causa di pensionamenti, ma anche a soprattutto di trasferimenti verso altre strutture vicine, lavorano solo due medici specializzati ed il personale di supporto è assolutamente inferiore alla pianta organica. Tutto questo inoltre accade in un periodo contrassegnato dalla pandemia covid19 che non ha fatto altro che aumentare il numero di cittadini che ha bisogno di supporto psicologico. Proprio per i seguenti motivi, Marone ha chiesto al Direttore Generale Russo un intervento immediato per implementare il numero sia dei medici che del personale di supporto sia attraverso trasferimenti, che attraverso altri canali.

«Non si può più rimandare un intervento sul Dipartimento di Salute Mentale di Maddaloni – ha dichiarato il consigliere Marone – Il personale si è rivolto a me illustrandomi le esasperazioni dovute all’incapacità del DSM di soddisfare, a causa della carenza organica, i bisogni della popolazione. Stiamo parlando di una struttura che copre un’utenza di più di 90.000 cittadini. Un punto di riferimento per la diagnosi e la terapia di tante patologie di ordine non solo psichiatrico, come la schizofrenia, la paranoia, l’ansia e depressione, ma anche psicologico come le turbe del comportamento e i disagi giovanili. Noi abbiamo raccolto questo segnale d’allarme e abbiamo richiesto l’intervento del Direttore Generale Russo che non può più voltarsi dall’altra parte e far finta di non vedere. A tale scopo abbiamo interessato i referenti politici del nostro territorio sia in Regione che in Parlamento in modo da cercare di spingere tutti nella stessa direzione. Una cosa è sicura: su questa questione non cederemo di un metro».

Maddaloni lì, 14 giugno 2022

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *