In un mondo politico fluido, noi difendiamo le nostre idee

La visione politica a sostegno dell’azione amministrativa

di Antonio Cembrola

“Grande è la confusione sotto il cielo, la situazione è eccellente”. Questa frase di Confucio, ripresa diversi secoli dopo da Mao Zedong, rappresenta in pieno il panorama della politica locale. Prendendo in prestito un’espressione tanto cara alla sinistra del ventunesimo secolo, ci troviamo in un mondo fluido, dove i confini ideologici e politici sembrano essere uno strano ricordo del passato. E’ non c’entra nulla la presenza o meno dei partiti nazionali, perché le “strane alleanze” avvengono a Roma come a Caserta e a Maddaloni. E’ così ti capita di vedere una dirigente di Fratelli d’Italia in provincia di Caserta entrare nella squadra del presidente Magliocca, moderato eletto col sostegno dei moderati.

Contemporaneamente ti ritrovi a Maddaloni i consiglieri dello stesso partito che abbandonano la maggioranza del sindaco De Filippo perché essa ha incluso elementi moderati. Ciò dimostra chiaramente la mancanza di una visione comune, ma anche e assolutamente di uno steccato ideologico che ormai sembra essere stato distrutto. Ovviamente quello di Fratelli d’Italia non è un caso isolato. Anche nella stessa maggioranza defilippiana avvengono situazioni del genere: se infatti era ormai scontato l’avvicinamento dei rappresentanti di ‘Italia Viva’, vista l’alleanza tra il sindaco e il consigliere regionale Santangelo, può essere considerata una vera sorpresa l’asse De Filippo-Cortese dove il secondo è stato leader di una coalizione alternativa a De Filippo, salvo poi allontanarsene dopo pochi mesi. Parliamoci chiaro, non siamo sorpresi, anzi la nostra non vuol essere né un’accusa né una provocazione. E’ il riconoscimento di una realtà, di un dato di fatto, con cui anche noi dobbiamo fare i conti. Se in questa fase non possiamo che accettarla perché non vi sono alternative e perché anche noi dobbiamo unirci alla frase spot “nell’interesse della città”, siamo certi che da questa confusione generale si possa arrivare ad un qualcosa di nuovo e crediamo più regolato da idee, da visione politica e azione. Del resto, unica forza nel panorama politico locale, nella nostra azione continuiamo a farci guidare da un tessuto ideologico di base. Basti pensare al progetto per il nuovo campo sportivo. Grazie al nostro intervento, suggerito dalla volontà di puntare sull’aiuto dello Stato a dispetto degli interessi privati del project financing, abbiamo messo il Comune in condizione di poter essere beneficiario di un finanziamento dell’Istituto del Credito Sportivo. Di questo siamo grati al sindaco De Filippo che ha creduto nella nostra proposta, ma siamo altrettanto orgogliosi di aver messo in atto un’azione politica dettata da una visione ideologica che sembra ormai accantonata. Lo stesso tenteremo di fare con la riqualificazione del cimitero comunale, luogo caro alla cittadinanza maddalonese. Da parte nostra tenteremo in tutti i modi di creare le condizioni per un intervento pubblico in questo progetto, limitando la possibilità dell’ingresso di privati attraverso la formula del project financing. E’ la dimostrazione concreta di un cambio di rotta rispetto alla fluidità del tessuto politico attuale. Certo la strada è lunga, ma chi ben comincia è a metà dell’opera.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *