Programma Politico

MOVIMENTO POLITICO
RISCOSSA DI MADDALONI

Riorganizzazione amministrativa

Il primo punto che abbiamo in programma è una sostanziale riorganizzazione della macchina amministrativa comunale. Pensiamo che tutti i nostri concittadini siano consci della lentezza e della mancanza di qualità dei nostri uffici comunali. Oltre alla mancanza di dirigenti capaci e dinamici, la nostra macchina comunale pecca di un’inesistenza di idee, di progetti, di briciole di entusiasmo professionale. Tutto ciò si traduce in un servizio alla cittadinanza completamente inefficiente e deficitario. Per iniziare un cambiamento di rotta occorre sicuramente l’inserimento di dirigenti qualificati ed efficienti, ma anche un controllo capillare della Giunta comunale sull’attività ed efficienza degli uffici, magari introducendo un assessorato apposito.

La nuova struttura amministrativa, consapevole delle difficoltà economiche e finanziarie delle casse comunali, dovrà mostrare una costante attenzione ai vari progetti e bandi emanati dalla Regione Campania e dall’Unione Europea. Siamo stanchi di vedere sfuggirci di mano possibilità di finanziamenti a causa di ignoranza e svogliatezza. La strada per influire sulle strutture cittadine (rete idrica fognaria, manto stradale etc.) passa per la presentazione di progetti che devono essere in linea con le normative attuali.

Ulteriormente, la nuova macchina amministrativa dovrà a sua volta controllare il rispetto di quanto previsto dai contratti firmati con società private per svariati servizi (mensa scolastica, manutenzione, cimitero etc.) al fine di garantire non soltanto una prestazione, ma anche un adeguato pagamento per la qualità di lavoro svolto.

Patrimonio

In un comune in gravi difficoltà finanziarie si rende necessario anche lo sfruttamento di alcune strutture, ad uso abitativo e no, di proprietà comunali. E’ nostra intenzione quella di iniziare questo percorso dagli appartamenti (circa cento) di proprietà comunali, la cui gestione e/o eventuale dismissione può essere affidata ad una cooperativa di giovani maddalonesi. A questo si può aggiungere la vendita dello stabile al corso I Ottobre, attualmente comando della polizia municipale. Tutto ciò a garantire l’assottigliamento degli oneri a carico delle casse comunali. Il ricavato di tale azione potrà essere utilizzato per dare una sistemazione definitiva agli uffici comunali. Per questo noi vogliamo acquisire al patrimonio il convento dei Cappuccini in via Mercorio, tra l’altro ottenibile anche gratuitamente, essendo metà del piano terra e tutto il secondo piano già di proprietà comunale. Contemporaneamente a ciò avvieremo un tavolo di concertazione con il Ministero della Difesa per un utilizzo parziale o totale della caserma “Rispoli” che può diventare la cittadella amministrativa del nostro comune.

Ambiente

Per quanto riguarda la tutela e la salvaguardia del nostro territorio noi ci proponiamo diverse azioni che riguardano i seguenti punti:

  • Per la questione rifiuti: proclameremo la chiusura dell’attuale isola ecologica, tra l’altro non a norma, sostituendola con altre due (la prima a via Napoli, la seconda nella zona tra il cimitero e Montedecoro); ripristineremo i contenitori per la raccolta di vetro e carta nelle strade (in modo particolare nei cortili delle scuole in modo da educare le nuove generazioni alla differenziata); vigilanza sul corretto rispetto dell’appalto RSU; sanzioni ai cittadini sorpresi al deposito illecito di rifiuti, o al non rispetto delle regole della differenziata.
  • Per il verde pubblico: riassetto e ripristino del verde pubblico, attraverso l’affidamento di una strada o di un’aiuola ad un gruppo di cittadini o ad una associazione.
  • Per l’inquinamento acustico: barriere antirumore sul cavalca-ferrovia di via Libertà.

Sicurezza

Maddaloni è diventata una città invivibile anche per la mancanza di sicurezza, dovuta anche al degrado sociale e all’anarchia di governo. Il primo e più importante punto del nostro programma in tale materia è l’istituzione di un Assessorato alla Sicurezza. Il nuovo organo avrà il compito di:

  • Individuare le aree a rischio e predisporre un adeguato e funzionale sevizio di videosorveglianza tesa a garantire la perseguibilità di coloro che si lasciano andare ad atti poco rispettosi verso persone o strutture;
  • Confrontarsi mensilmente con i dirigenti del Commissariato di P.S., della compagnia dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Municipale non solo per capire le varie criticità del territorio, ma anche per concordare un’azione condivisa per la loro risoluzione;
  • Coinvolgere nel controllo del territorio anche le Associazioni d’Arma, di Protezione Civile, e di soccorso sanitario, in modo da coadiuvare e supportare le attività delle forze dell’ordine;
  • Combattere l’abusivismo abitativo e di proprietà terriere, in particolar modo monitorando e cercando di risolvere il disagio dei campi rom;
  • Organizzare corsi di educazione civica e di tecniche del buon cittadino nelle scuole di ogni ordine e grado della città.

Attività Produttive

Siamo consapevoli che per rinascere economicamente Maddaloni deve essere in grado di attirare investimenti e imprese. Per farlo però dobbiamo garantire due condizioni stimolanti per gli imprenditori: una tassazione agevolata e facilitazione delle vie di comunicazione. Per il primo punto noi proponiamo un’esenzione biennale delle tasse sui servizi (acqua, RSU, pubblicità ed altro); inoltre per chi decide di fittare i propri locali a canone concordato, noi proponiamo una percentuale di bonus sulla cifra IMU. Per il secondo punto invece individueremo un’area per insediamenti produttivi adeguata e facilmente raggiungibile dal futuro casello autostradale in via di costruzione.

Inoltre per proteggere il nostro commercio e i nostri commercianti ci proponiamo l’obiettivo di combattere la concorrenza sleale e illegale dei vari venditori senza permessi e licenze attraverso una serie di controlli di varia natura in accordo con le forze dell’ordine.

Urbanistica e Viabilità

I due punti vanno insieme perché solo affrontandoli unitamente possiamo garantire lo sviluppo delle attività produttive e del benessere della città. Per questo motivo vogliamo dare alla cittadinanza (commercianti e consumatori) una serie di infrastrutture per garantire la salvaguardia del commercio. Per questo vogliamo che siano costruite aree per il parcheggio. Noi abbiamo individuato:

  • L’ex ricovero “Landolfi” che, una volta abbattuto, potrà dare luce ad un’area parcheggio al servizio della Chiesa e delle attività commerciali;
  • L’attuale piazza Matteotti che, una volta abbattuto il ridicolo cantiere, può benissimo fungere da area parcheggio.

Per quanto riguarda l’urbanistica abbiamo analizzato anche un altro aspetto: la riorganizzazione della fiera settimanale. Ci proponiamo di combattere l’abusivismo e l’antigienicità, vogliamo che la fiera si sposti all’odierno mercato ortofrutticolo dove sono garantite recinzioni, servizi igienici ed quanto di più stimolante per attirare clienti anche dai paesi limitrofi.

Altra zona che abbiamo analizzato è quella del Foro Boario. La nostra idea è quella di rendere l’area fruibile al pubblico, grazie ad una copertura adeguata e la sistemazione dei vari accessi, per istituire poi un’area fieristica adatta sia a piccoli che a grandi eventi.

La viabilità è un’altra grande cancrena del nostro territorio. Le cause di ciò sono dovute principalmente all’inciviltà dei cittadini, ma anche alla latitanza dei rappresentanti della Polizia Municipale. Per questo noi vogliamo, consci del personale ridotto, che i vigili urbani riescano a garantire il rispetto delle norme della strada almeno nel centro storico, immagine e simbolo di una realtà territoriale.

Premesso ciò, il punto fondamentale in materia di viabilità è rappresentato da due incroci pericolosi: quella tra via Ficucella e la variante e quello tra via Ponte Carolino (Zi Peppe) e la Statale 335. La soluzione più facilmente attuabile è quella della costruzione di rotonde che, oltre a rendere più scorrevole il traffico, abbassa notevolmente il livello di pericolosità dell’incrocio.

Inoltre per snellire il traffico nel centro città noi vogliamo aprire un nuovo ingresso in piazza Don Salvatore d’Angelo invertendo il senso di marcia di via Concezione e via Altomari.

Cultura e Turismo

Maddaloni è uno dei centri della provincia di Caserta che riguardo a storia ed arte non ha da invidiare nulla a nessun altro centro. Questi aspetti, soprattutto negli ultimi anni sono stati sempre più abbandonati, isolati, dimenticati. Riscossa di Maddaloni si propone l’obiettivo di risvegliare il fervore culturale della città in modo da renderla adeguata per un’eventuale crescita del flusso turistico. Per raggiungere tali obiettivi dobbiamo rinnovare la struttura delle nostre realtà e istituzioni culturali. Oggi il Museo Civico di Maddaloni, vanto delle amministrazioni della prima Repubblica, è ridotto all’ombra di sé stesso, affidandosi unicamente ad un gruppo di volontari e ad un’unica unità lavorativa comunale. Tale decadimento è figlio anche di una crisi finanziaria delle casse comunali. Per questo motivo noi vogliamo che la gestione del Museo Civico venga affidata ad una cooperativa e/o associazione, idonea per finalità, che gestisca orari, cura dei materiali, mostre, conferenze e sorveglianza e che tenga però conto anche dei volontari maddalonesi che per tanto tempo si sono prestati nelle iniziative museali. Fatto ciò vogliamo che il Museo Civico e il Museo Archeologico di Calatia stabiliscano un protocollo d’intesa volto a favorire la creazione di un programma annuale di manifestazioni condiviso e concordato con il Comune. Altro nostro obiettivo è la redazione di un albo delle associazioni presenti sul territorio in modo da redigere una programmazione precisa delle attività da svolgersi in un anno.

Oltre alle iniziative dei musei e delle associazioni, il comune istituirà:

  • Un premio nazionale di storiografia borbonica “Giacinto de Sivo”;
  • Una mostra biennale di pittura contemporanea “Crescenzo del Vecchio”;
  • Giornata del libro.

Per il turismo, noi siamo consapevoli che per il suo sviluppo, Maddaloni deve uscire dall’isolamento nella quale è piombata. La nuova amministrazione dovrà avviare tavoli di concertazione con il Comune di Caserta, la Reggia di Caserta, i comuni della Valle di Suessola, per stabilire eventuali percorsi turistici che consentano alla nostra città di essere un importante crocevia di turisti capace di regalare opere d’arte e di storie uniche.

Istruzione

Il nostro principale obiettivo riguardo all’istruzione dei giovani maddalonesi è quello di riavvicinare il comune a tutte le realtà scolastiche del nostro territorio. Vogliamo che i nostri alunni siano presenti e protagonisti in tutte le nostre iniziative, a partire dalle feste nazionali, la cui celebrazione è per noi un dovere, per arrivare ai nostri progetti sociali e culturali. Il comune organizzerà in ogni scuola del territorio corsi di educazione civica e di tecniche del buon cittadino. Gli alunni parteciperanno alla “Giornata del Libro” e ai futuri premi letterari, oltre alle varie conferenze e manifestazioni pubbliche promosse ed organizzate dal comune. La finalità della nostra azione sarà quella di avvicinare i cittadini di domani all’Istituzione che saranno chiamati a difendere e a far crescere.