Silenzio e incompetenza, “Riscossa di Maddaloni” punta il dito contro il comandante dei vigili

MADDALONI – (Caserta) Ancora una volta ci troviamo costretti a sottolineare il silenzio e la ritrosia che contraddistingue il comportamento dell’attuale comandante della Polizia Locale, magg. Domenico Renga, in merito alle nostre richieste. Siamo consapevoli che magari le nostre proposte possano non essere gradite al dirigente, ma esigiamo comunque il diritto di avere una risposta. Da quasi un anno, il consigliere comunale di “Riscossa di Maddaloni” dott. Claudio Marone, ha richiesto l’eliminazione delle fioriere presenti in via San Francesco d’Assisi (zona compresa tra gli incroci con via Capillo e con corso I ottobre) a causa del restringimento della carreggiata dovuta alla presenza di impalcature.

Questo causa traffico e rallentamenti, anche perché le auto continuano a sostare in maniera illecita e indiscriminata. Ebbene non una risposta o motivazione è giunta dall’ufficio del comandante che ha in questo modo ignorato la comunicazione di un consigliere comunale eletto dai cittadini maddalonesi. Del resto tutto ciò non è assolutamente una novità; da tempo infatti non facciamo che denunciare la gestione fallimentare del locale comando. L’ultimo episodio che evidenzia quello che per noi è un dato di fatto, è stato denunciato pochi giorni fa dal nostro consigliere comunale dott. Claudio Marone. In piazza Ferraro, come tutti sapranno è stato chiuso al traffico un tratto della strada di collegamento tra corso I ottobre e via Roma.

«Abbiamo notato – ha dichiarato Marone – che la segnaletica installata a nostro parere è sbagliata. Attualmente infatti è presente il segnale di divieto di accesso (cerchio rosso con striscia orizzontale bianca) che di fatto presuppone senso unico e quindi di fatto prevede il transito delle auto. Dovrebbe per questo essere installato un segnale di divieto di transito (tondo bianco con bordo rosso) che inibisce totalmente il traffico. Confidiamo che almeno su questo argomento, che pone seri dubbi sulle competenze, il comandante voglia intervenire al più presto invece di chiudersi come sempre nel silenzio e nell’immobilità».

Maddaloni lì, 10 giugno 2022

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *